Quinto Orazio Flacco - A Settimio - Odi, II, 6, 10


"Quell'angolo di mondo più d'ogni altro m'allieta,

là dove i mieli a gara con quelli del monte Imetto fanno
e le olive quelle della virente Venafro eguagliano;
dove Giove primavere regala, lunghe, e tiepidi inverni,
e dove Aulone, caro pure a Bacco che tutto feconda,
il liquor d'uva dei vitigni di Falerno non invidia affatto." 

Commenti: 0